Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3250

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3250

../3249 ../3251 IncludiIntestazione 19 gennaio 2017 100% Saggi

3249 3251

[p. 272 modifica] delicatezza delle forme, non perché la delicatezza sia pregio per se; che anzi la rispettiva delicatezza delle forme era certamente biasimo, e tenuto per difetto, o per causa di minor pregio d’esse forme, appo gli uomini primitivi; ma solo perché la delicatezza fisica oggidí, contro le leggi della natura, e contro il vero ben essere e il destino dell’umana vita, è fatta propria e caratteristica delle nazioni e persone civili.1 Laonde ben s’ingannarono quei tedeschi (ripresi da Mad. di Staël nell’Alemagna) che cercarono di raddolcire la loro lingua, credendo farsi tanto piú pregevoli degli altri tedeschi quanto piú dolcemente di loro la parlassero e [p. 273 modifica]scrivessero, e che la dolcezza, procurandola alla lingua tedesca, le avesse ad esser pregio, contro la natura e contro il carattere della lingua, il quale è la forza, e tanta forza richiede nello scrittore e nel parlatore, quanta possa non varcare i confini prescritti dalla qualità d’essa lingua, e da quella delle particolari materie in essa trattate; ed esclude, colle medesime condizioni, la dolcezza, come vizio nella lingua tedesca e non pregio, perché opposta alla sua natura.

Note

  1. Puoi vedere le pagg. 3084-90.