Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3466

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3466

../3465 ../3467 IncludiIntestazione 2 dicembre 2017 100% Saggi

3465 3467

[p. 403 modifica] dee dire dell’eccessivo uso, anzi abuso intollerabile della mitologia che fanno e fecero i pittori e scultori ec. cristiani, non d’Italia solo, ma d’ogni nazione, e niente meno i forestieri che gl’italiani. Se sta ad essi a scegliere il soggetto, potete esser sicuro, massime degli scultori, ch’e’ non escirà della mitologia. Ed anche grandissima parte de’ soggetti eseguiti per commissione, essendo mitologici, segue che il piú delle pitture, e massimamente delle sculture che si veggono in Europa (fuor delle Chiese), sieno mitologiche. Par che tutto lo scopo che si propone uno scultore (siccome un poeta) sia che la sua opera paia una [p. 404 modifica]statua antica (come un poema antico), dovendo solamente cercare ch’ella sia tanto bella quanto un’antica, o piú bella ancora, quantunque, se si vuole, nel genere del bello antico (19 settembre 1823).


*    Ces hommes qui existent ainsi (les Chartreux de Rome) sont pourtant les mêmes à qui la guerre et toute son activité suffiraient à peine s’ils s’y étaient accoutumés. C’est un sujet inépuisable de réflexion que