Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/4134

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 4134

../4133 ../4135 IncludiIntestazione 4 aprile 2019 100% Saggi

4133 4135

[p. 57 modifica] natura, qual è tutto il genere animale preso insieme, merita di esser chiamata un’imperfezione. Almeno ella è piccolissima e quasi un menomo neo nella natura universale, nell’ordine ed esistenza del gran tutto. Menomo, perché gli animali rispetto alla somma di tutti gli altri esseri e alla immensità del gran tutto sono un nulla. E se noi li consideriamo come la parte principale delle cose, gli esseri piú considerabili, e perciò come una parte non minima, anzi massima, perché grande per valore se minima per estensione; questo nostro giudizio viene dal nostro modo di considerar le cose, di pesarne i rapporti, di valutarle [p. 58 modifica]comparativamente, di estimare e riguardare il gran sistema del tutto; modo e giudizio naturale a noi che facciamo parte noi stessi del genere animale e sensibile, ma non vero, né fondato sopra basi indipendenti e assolute, né conveniente colla realtà delle cose, né conforme al giudizio e modo (diciamo cosí) di pensare della natura universale, né corrispondente all’andamento del mondo, né al vedere che tutta la natura, fuor di questa sua menoma parte, è insensibile, e che gli esseri sensibili sono per necessità souffrants, e tanto piú sempre, quanto piú sensibili. Onde anzi si dovrebbe conchiudere, che essi stessi, o la sensibilità astrattamente, sono una imperfezione della natura, o vero gli ultimi, cioè infimi di grado e di nobiltà e dignità nella serie degli esseri e delle proprietà delle cose (9 aprile, sabato in Albis, 1825). Vedi p. 4137.


*   Sentido de la perdita per que siente (senziente, che si duole) la perdida. Penato per penante. Crusca, in penato e in penare esempio ultimo.


*    Halo as-halitans (10 aprile, domenica in Albis, 1825). Alitare.


*    Σανὶς ίδος, forse in origine diminutivo, poscia positivato.


*    Piú tempo per del tempo, frase frequente presso i nostri (per esempio, Ricordano,