Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/670

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 670

../669 ../671 IncludiIntestazione 20 novembre 2012 100% Da definire

669 671


[p. 123 modifica] piú o meno cogli altri la sua stima, i suoi interessi, i suoi fini, pensieri, opinioni, sentimenti ed affetti, inclinazioni, ed azioni; e se tutto questo non è diretto se non a se stesso. Quanto piú si trova nell’individuo il se stesso, tanto meno esiste veramente la società. Cosí, se l’egoismo è intero, la società non esiste se non di nome. Perché ciascun individuo, non avendo per fine se non se medesimo, non curando affatto il ben comune e nessun pensiero o azione sua essendo diretta al bene o piacere altrui, ciascuno individuo forma da se solo una [p. 124 modifica]società a parte, ed intera, e perfettamente distinta, giacché è perfettamente distinto il suo fine; e cosí il mondo torna qual era da principio, e innanzi all’origine della società, la quale resta sciolta quanto al fatto e alla sostanza e quanto alla ragione ed essenza sua. Perciò l’egoismo è sempre stata la peste della società e quanto è stato maggiore, tanto peggiore è stata