Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/975

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 975

../974 ../976 IncludiIntestazione 16 gennaio 2013 100% Saggi

974 976


[p. 309 modifica] dotti francesi di questo e del passato secolo. Ma questi tali dotti presenti o passati hanno parlato o parlano e piú modestamente della lingua e letteratura loro e piú cautamente e con piú riguardo delle altrui, siccome è costume naturale di chiunque meglio e maturamente ed intimamente conosce ed intende (20-22 aprile, giorno di Pasqua, 1821). Vedi p. 978, capoverso 3.


*   Tra i libri diversi si annunziano le Lettere sull’India di Maria Grahan, autrice di un giornale del suo soggiorno nell’India, nelle quali campeggia un curioso paragone del sanscrito col latino, col persiano, col tedesco, coll’inglese, col francese e coll’italiano, e si parla pure a lungo delle principali opere composte in sanscrito. Biblioteca Italiana, vol. IV, p. 358, novembre 1816, n. 11, Appendice, Parte italiana, rendendo conto del Giornale Enciclopedico di Napoli n. 5°. (22 aprile 1821).


*    Il sistema di Copernico insegnò ai filosofi l’uguaglianza dei globi che compongono il sistema solare (uguaglianza non insegnata dalla natura, anzi all’opposto), nel modo che la ragione e la natura insegnavano agli uomini ed a qualunque vivente l’uguaglianza naturale degl’individui di una medesima specie (22 aprile 1821). [p. 310 modifica]


*    La scrittura dev’essere scrittura e non algebra,