Poemi conviviali/L'ultimo viaggio/XIII La partenza

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'ultimo viaggio

La partenza

../XII Il timone ../XIV Il pitocco IncludiIntestazione 28 agosto 2011 100% Poesie

L'ultimo viaggio - XII Il timone L'ultimo viaggio - XIV Il pitocco


[p. 72 modifica]

XIII


la partenza


     Ed ecco a tutti colorirsi il cuore
dell’azzurro color di lontananza;
e vi scorsero l’ombra del Ciclope
e v’udirono il canto della Maga:
l’uno parava sufolando al monte
pecore tante, quante sono l’onde;
l’altra tessea cantando l’immortale
sua tela così grande come il mare.
     E tutti al mare trassero la nave
su travi tonde, come su le ruote;
e avvinsero gli ormeggi ad un lentisco
che verzicava sopra un erto scoglio;
e già salito, il vecchio Eroe nell’occhio
fece passar la barra del timone;
e stette in piedi sopra la pedagna.
Era seduto presso lui l’Aedo.
E con un cenno fece ai remiganti
salir la nave ed impugnare il remo:
sedevano essi con ne’ pugni il remo.
Egli tagliò la fune con la scure.
E cantava un cuculo tra le fronde,
cantava nella vigna un potatore,
passava un gregge lungo su la rena
con incessante gemere d’agnelli,
ricciute donne in lavatoi perenni
batteano a gara i panni alto cianciando
e dalle case d’Itaca rupestre
balzava in alto il fumo mattutino.
E i marinai seduti alle scalmiere

[p. 73 modifica]

facean coi remi biancheggiar il flutto.
     E Femio vide sopra un alto groppo
di cavi attorti la vocal sua cetra,
la cetra ch’egli avea gittata, e un vecchio
dagli occhi rossi lieto avea raccolta
e portata alla nave, ai suoi compagni;
ed era a tutti, l’aurea cetra, a cuore,
come a bambino infante un rondinotto
morto, che così morto egli carezza
lieve con dita inabili e gli parla,
e teme e spera che gli prenda il volo.
E Femio prese la sua cetra, e lieve
la toccò, poi, forte intonò la voga
ai remiganti. E quell’arguto squillo
svegliò nel cuore immemore dei vecchi
canti sopiti; e curvi sopra i remi
cantarono con rauche esili voci.
— Ecco la rondine! Ecco la rondine! Apri!
ch’ella ti porta il bel tempo, i belli anni.
È nera sopra, ed il suo petto è bianco.
È venuta da uno che può tanto.
Oh! apriti da te, uscio di casa,
ch’entri costì la pace e l’abbondanza,
e il vino dentro il doglio da sé vada
e il pane d’orzo empia da sé la madia.
Uno anc’a noi, col sesamo, puoi darne!
Presto, ché non siam qui per albergare.
Apri, ché sto su l’uscio a piedi nudi!
Apri, ché non siam vecchi ma fanciulli! —