Poesie campestri/Le quattro parti del giorno/La Sera

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LE QUATTRO PARTI DEL GIORNO
La Sera

../Il Mezzogiorno ../La Notte IncludiIntestazione 14 febbraio 2011 100% Poesie

LE QUATTRO PARTI DEL GIORNO
La Sera
Le quattro parti del giorno - Il Mezzogiorno Le quattro parti del giorno - La Notte
[p. 186 modifica]

LA SERA.


I.


Immagine di questa umana vita,
Che siccome al suo fin più s’avvicina,
Più del cammin par correre spedita
Quel resto, che dal Ciel le si destina,
5È il Sol, quando con bella dipartita,
Ch’è ritorno ad altrui, ratto declina,
E tinge il muro del ritiro mio
D’un roseo raggio, che par dirmi: Addio.

[p. 187 modifica]
II.


     Dalla sua grotta in sen d’atra foresta,
10Ove condusse il dì chiuso e lontano,
Esce il Silenzio, e della grave testa
Ai suoi ministri accenna, e della mano;
Onde subito il cocchio a lui s’appresta,
Sul qual benchè qua e là discorra il piano,
15Pur nè di calpestío mai, nè di ruote,
Nè di sferza romor l’aura percuote.

III.


     Ma tanto ancora ei dominar non pare,
Che non susurro alcun fera gli orecchi.
E or pur la villanella a quelle chiare
20Fonti, che sul mattin le furo specchi,
Per attigner s’affretta, e al cigolare
Cantando va degli ondeggianti secchi:
Mentre forse da un lato è chi la mira,
E dal ruvido cor su lei sospira.

[p. 188 modifica]
IV.


     Dalla capanna in ruote bianche ed adre,25
Dolce al villan richiamo, il fumo ascende,
Dalla capanna, ove solerte madre
A preparar la parca cena intende:
Mentre il fanciullo corre incontro, e al padre
30La faccia innalza, e le ginocchia prende,
E arcani amor va balbettando: stanco
Quel più non sente e travagliato il fianco.

V.


     E il figlio in alto leva, ed entro viene;
E il minor fratellin tolto, ed assiso,
35L’un sul ginocchio, e in braccio l’altro tiene,
Di cui la mano scherzagli sul viso;
La madre ora al bollir dell’olle piene,
Ed ora a quei tre cari ha l’occhio fiso;
E già la mensa lor fuma, non senza
40I due sali miglior, fame e innocenza.

[p. 189 modifica]
VI.


     O bella Sera, amabil Dea fra mille,
Che non suonano i miei versi più dolce,
E il gentile tuo viso, e le pupille,
Onde melanconia spira sì dolce,
45E il crin, che ambrosia piove a larghe stille,
E quel, che l’aure rinfrescando molce,
Respiro della tua bocca rosata,
Che non ho per lodar voce più grata?

VII.


     Ma o sia che rompa d’improvviso un nembo,
50Che a te spruzzi il bel crin, la Primavera,
O il sen nuda, e alla veste alzando il lembo
L’Estate incontro a te mova leggiera,
O che Autunno di foglie il casto grembo
Goda a te ricolmar, te, dolce Sera,
55Canterò pur; s’io mai potessi l’ora
Tanto o quanto allungar di tua dimora.

[p. 190 modifica]
VIII.


     Già torna a casa il cacciator vagante.
Ah sì crudo piacer me non invita,
L’innocente a mirar pinto volante
60Cader dall’alto, e in ciel lasciar la vita,
O a sentirlo non morto e palpitante
Tra le mie calde e sanguinose dita.
Più mi piace, campestre cavaliero
Sul mio bruno vagar ratto destriero.

IX.


     Vien dalla stalla; ei rode il ferreo morso,65
E trema impazïente in ogni vena:
Mille de’ passi suoi prima del corso
Perde, e in cor batte la lontana arena.
Vedelo poi volar con me sul dorso
Fanciulla, che dell’occhio il segue appena,70
Vede sotto ai suoi piè la bianca polve,
Che s’alza a globi, e la via tutta involve.

[p. 191 modifica]
X.


     E talor gioverà per vie novelle
Porlo, e piagge tentar non tocche avanti;
Perdermi volontario, e di donzelle75
Smarrite in bosco, e di guerrieri erranti
I lunghi casi e le vicende belle
Volger nell’alma, e sognar larve e incanti:
Poi, riuscendo al noto calle e trito,
Goder del nuovo discoperto sito.80

XI.


     Ma già il Sole a mirar non resta loco,
Che in quelle nubi, a cui l’instabil seno
Splende di fuggitiva ambra e d’un foco,
Che al torcer sol d’un guardo mio vien meno.
Par che il colle s’abbassi; e a poco a poco85
Fugge da sotto all’occhio ogni terreno:
Già manca, già la bella scena verde
Entro a grand’ombra si ritira e perde.

[p. 192 modifica]
XII.


     Oh così dolcemente della fossa
Nel tacito calar sen tenebroso,90
E a poco a poco ir terminando io possa
Questo vïaggio uman caro, e affannoso.
Ma il dì, che or parte, riederà: quest’ossa
Io più non alzerò dal lor riposo;
Nè il prato, e la gentil sua varia prole95
Rivedrò più, nè il dolce addio del Sole.

XIII.


     Forse per questi ameni colli un giorno
Moverà Spirto amico il tardo passo,
E chiedendo di me, del mio soggiorno,
Sol gli fia mostro senza nome un sasso100
Sotto quell’elce, a cui sovente or torno
Per dar ristoro al fianco errante e lasso,
Or pensoso ed immobile qual pietra,
Ed or voci Febèe vibrando all’etra.

[p. 193 modifica]
XIV.


     Mi coprirà quella stess’ombra morto,105
L’ombra, mentr’io vivea, sì dolce avuta,
E l’erba, de’ miei lumi ora conforto,
Allor sul capo mi sarà cresciuta.
Felice te, dirà fors’ei, che scorto
Per una strada, è ver, solinga e muta,110
Ma donde in altro suol meglio si varca,
Giungesti quasi ad ingannar la Parca.

XV.


     L’alme stolte nodrir non aman punto
Il pensier della loro ultima sorte,
E che solo ogni dì morendo appunto115
Può fuggirsi il morir, non fansi accorte.
Così divien come invisibil punto
Il confin della vita e della morte;
Onde insieme compor quasi n’è dato
Di questo, e del venturo un solo stato.120