Poesie varie (Marino)/II/LI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LI. Canto di uccelli

../L ../LII IncludiIntestazione 29 novembre 2016 100% Da definire

II - L II - LII
[p. 100 modifica]

LI


CANTO DI UCCELLI

nella villa di Iacopo Corsi presso Firenze.


     I’ sento il rossignuol, che sovra un faggio
il canto accorda al mormorar de l’onde;
e Progne, che lo sfida e gli risponde,
né piú si lagna de l’antico oltraggio.
     Odo dappresso il calderin selvaggio,
che saluta l’aurora e poi s’asconde;
e ’l vago tortorel, che tra le fronde
par dica in suo tenor: — Giá torna maggio. —
     Non lunge il solitario ascolto poi
chiuso rimproverar fra gli arboscelli
al rozzo cacciator gl’inganni suoi.
     Dolci a voi l’esche ognor, puri i ruscelli
serbi la terra in sen. Ben siete voi
angeli de la selva e non augelli.