Poesie varie (Marino)/II/LIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LIX. Il sogno

../LVIII ../LX IncludiIntestazione 2 giugno 2015 75% Da definire

II - LVIII II - LX
[p. 104 modifica]

LIX


IL SOGNO


     Vien la mia donna in su la notte ombrosa,
qual suole a punto il mio pensier formarla,
e qual col rozzo stil tento ritrarla,
ma, qual mai non la vidi, a me pietosa.
     — Pon’ freno al pianto e pace spera e posa,
o mio fedel, ché tempo è da sperarla. —
sorridendo mi dice: e, mentre parla,
m’offre del labro l’animata rosa.
     Allor la bacio, ella ribacia e sugge;
lasso! ma ’l bacio in nulla ecco si scioglie,
e con la gioia insieme il sonno fugge.
     Or qual, perfido amor, fra tante doglie
deggio attender mercé da chi mi strugge,
se i mentiti diletti anco mi toglie?