Poesie varie (Marino)/II/XIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XIV. Il velo e le aure

../XIII ../XV IncludiIntestazione 1 giugno 2015 75% Da definire

II - XIII II - XV
[p. 82 modifica]

XIV


IL VELO E LE AURE


     Voi, che dal sen d’Amor dolci volate,
aure amorose, e di dolcezze pieno
l’aere intorno rendete, e per l’ameno
di queste piagge i balli a’ fior guidate,
     aure vaghe e leggiadre, aure odorate,
se dal volto del ciel puro e sereno
togliete i nembi, or voi dal crin, dal seno
questa del mio bel Sol nube sgombrate.
     E quelle fila d’òr lucide e bionde
e quelle vive e calde nevi omai
scoprite voi, ch’avaro vel m’asconde.
     Ma giá, vostra mercé, gli amati rai
ecco vegg’io, liet’aure, aure gioconde...
Cosí voi turbo o tuon non fieda mai!