Poesie varie (Marino)/II/XLIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XLIX. La ninfa tiberina

../XLVIII ../L IncludiIntestazione 2 giugno 2015 75% Da definire

II - XLVIII II - L
[p. 99 modifica]

XLIX


LA NINFA TIBERINA

Per la signora Agnola Vitelli Soderini.


     Su la sponda del Tebro umida erbosa,
diva in forma di ninfa or scherza or siede,
e perch’arda d’amor l’onda amorosa,
nudo le porge ai molli baci il piede.
     Aura intanto lasciva, aura vezzosa,
dolce intorno le vola e i rami fiede;
e la chioma spargendo aurea pomposa,
ricche ne tragge ed odorate prede.
     Ride di liete e verdeggianti spoglie
tutta adorna la piaggia, e novi onori
dal vivo Sol de’ suoi begli occhi accoglie.
     Non tocca erba il bel piè, che non s’infiori;
fior la candida man, che non s’infoglie;
foglia l’aurato crin, che non s’indori.