Poesie varie (Marino)/II/XLVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XLVII. Fantasia gelosa

../XLVI ../XLVIII IncludiIntestazione 2 giugno 2015 75% Da definire

II - XLVI II - XLVIII
[p. 98 modifica]

XLVII


FANTASIA GELOSA


     Lilla, qualor vegg’io che ’l ciel s’avolga
di spessa nebbia o fremer vento ascolto,
temo non Borea, per quest’aria sciolto,
novella Orizia, li rapisca e tolga.
     E s’egli avien che ’l nero vel si sciolga
de l’atre nubi in molle nembo e folto,
temo allor Giove, in pioggia d’oro involto,
del tuo bel, del mio bene il fior non colga.
     Se miro il carro d’òr lo dio di Delo
chinar ver’ l’onde, a te lá dove sei
temo non scenda, e non ti porti in cielo.
     Temo ancor Teti stessa, o chiuso in lei
celeste amante; e, tutto foco e gelo,
temo gli scogli e ’l mar, nonché gli dèi.