Poesie varie (Marino)/II/XV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XV. Alle aure

../XIV ../XVI IncludiIntestazione 1 giugno 2015 75% Da definire

II - XIV II - XVI
[p. 82 modifica]

XV


ALLE AURE


     Questo vaso d’amomo e questi acanti,
primo pregio d’april, queste odorate
rose ad un parto con l’aurora nate,
questo cesto di gigli e d’amaranti,
     a voi, de l’aria peregrine erranti,
fien sacri, aure felici, aure beate,
se, mentre per lo ciel l’ali spiegate,
vosco trarrete i preghi miei volanti;
     sí che questi, ch’io spargo, amari accenti
oda di lá, dove n’andate or voi,
Elpinia, e ’l flebil suon de’ miei lamenti.
     Ben avrete de l’opra il premio poi:
forza e vigor da’ miei sospiri ardenti,
grazia ed odor da’ dolci fiati suoi.