Poesie varie (Marino)/II/XXI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXI. La sua donna che piange sopra un fanciullo morto

../XX ../XXII IncludiIntestazione 2 giugno 2015 75% Da definire

XXI. La sua donna che piange sopra un fanciullo morto
II - XX II - XXII
[p. 85 modifica]

XXI


LA SUA DONNA

che piange sopra un fanciullo morto.


     Mentre che ’l caro pargoletto estinto
di pure e calde lagrimette onora
la bella donna, e ’l viso ombra e scolora,
che di nova pietá langue dipinto;
     lo mio dolente cor, che né pur finto
pianto mai trasse de’ begli occhi ancora,
sorge qual fior, cui bagna amica aurora,
giá da nemico Sol percosso e vinto.
     Lasso! ma che mi val, s’Amor che ride
ne’ bei lumi piangenti, entro quel rio
gli strali affina, onde quest’alma ancide?
     Anzi quel pianto in un spietato e pio
ne’ miei trasfonde, e con nòv’arti infide
versa per que’ begli occhi il pianto mio.