Poesie varie (Marino)/II/XXII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXII. L’anello d’oro, dono della sua donna

../XXI ../XXIII IncludiIntestazione 2 giugno 2015 75% Da definire

XXII. L’anello d’oro, dono della sua donna
II - XXI II - XXIII
[p. 86 modifica]

XXII


L’ANELLO D’ORO, DONO DELLA SUA DONNA


     Breve cerchio d’or fin, che di splendore
con la spera del Sol contese e vinse,
mentre che ’l terso e molle avorio strinse
di quella man, che sí mi stringe il core,
     or doni a me, sol perch’io veggia, Amore,
quanto de l’aurea chioma, che m’avinse,
l’oro è men biondo, e come il bel, ch’ei cinse,
aggiunse men che non ne trasse onore.
     Con questo forse i piú pungenti strali
sovente indori e, per maggior martiro,
le mie piaghe rinfreschi aspre e mortali.
     Lasso! e quest’òr nel foco, ond’io sospiro,
vuoi che s’affini, e che di tanti mali
rappresenti al mio cor l’eterno giro.