Poesie varie (Marino)/II/XXXIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXXIII. Il luogo dei suoi amori

../XXXII ../XXXIV IncludiIntestazione 2 giugno 2015 75% Da definire

II - XXXII II - XXXIV
[p. 91 modifica]

XXXIII


IL LUOGO DEI SUOI AMORI


     A quest’olmo, a quest’ombre ed a quest’onde,
ove per uso ancor torno sovente,
eterno i’ deggio, ed avrò sempre in mente
quest’antro, questa selva e queste fronde.
     In voi sol, felici acque, amiche sponde,
il mio passato ben quasi presente
Amor mi mostra, e del mio foco ardente
tra le vostre fresch’aure i semi asconde.
     Qui di quel lieto dí soave riede
la rimembranza, allor che la mia Clori
tutta in dono se stessa e ’l cor mi diede.
     Giá spirar sento erbette intorno e fiori,
ovunque o fermi il guardo o mova il piede,
de l’antiche dolcezze ancor gli odori.