Poesie varie (Marino)/II/XXXVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXXVI. Il primo incontro

../XXXV ../XXXVII IncludiIntestazione 2 giugno 2015 75% Da definire

II - XXXV II - XXXVII
[p. 93 modifica]

XXXVI


IL PRIMO INCONTRO


     Ancor non sapev’io, bella mia Flora,
dal bosco ir solo a la cittá vicina,
quando in schiera leggiadra e pellegrina
uscir ti vidi a la campagna fòra.
     Era ne la stagion, quando l’aurora
col dí non ben distinto ancor confina,
e l’erbe sparse di minuta brina
non ha tepido il Sol rasciutte ancora.
     Tu, pargoletta (or giá volgon duo lustri),
ten givi un serto, con tua mandra errante,
di fior tessendo e di mature fraghe.
     Io stava in parte rimirando, e quante
cogliea la bianca man rose e ligustri,
tante m’erano al cor facelle e piaghe.