Poesie varie (Marino)/V/XIVb

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XIV. Martino Lutero

../XIIIb ../XVb IncludiIntestazione 4 giugno 2015 75% Da definire

V - XIIIb V - XVb
[p. 256 modifica]

XIV


MARTINO LUTERO


     Volpe malvagia, che ’l terren fiorito
de la vigna di Cristo incavi e rodi;
lupo fellon, che con furtive frodi
il fido ovile hai lacero e tradito;
     immondo corvo, che, de l’arca uscito,
di putrid’ésca ti nutrisci e godi;
perfida iena, che ’n sagaci modi
formi d’umana voce un suon mentito;
     iniqua aragna, che a le mosche ordisci
reti vane d’error; rana loquace,
che, sommersa nel fango, al ciel garrisci;
     Piton, che ’l mondo ammorbi; idra ferace
di mille avide teste, ahi! come ardisci
sotto aspetto vezzoso esser vorace?