Poesie varie (Marino)/VI/IV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
IV. A Torquato Tasso

../III ../V IncludiIntestazione 4 giugno 2015 75% Da definire

VI - III VI - V
[p. 284 modifica]

IV


A TORQUATO TASSO

Per la morte di una gentildonna.


     Tasso, s’è ver ch’altrui fu dato in sorte
mover Stige a pietá, ch’albergo è d’ira,
e viva al suon de la dolente lira
trar donna fuor de le tartaree porte;
     ben potrai tu, mentre ch’al ciel per forte
destín costei, che ’l mondo orbo sospira,
sen vola, il ciel, che piú benigno gira,
piegar cantando, e lei ritôrre a Morte.
     Sí vedrem per dolcezza al dolce canto
rompersi il marmo, e render di sotterra
a la bell’alma il suo leggiadro manto.
     Io, cui manca lo stil, quel sasso santo,
ov’Amor del suo foco il cener serra,
potrò pur forse intenerir col pianto.