Poesie varie (Marino)/VI/LIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LIV. Al principe Filiberto di Savoia

../LIII ../LV IncludiIntestazione 4 giugno 2015 75% Da definire

LIV. Al principe Filiberto di Savoia
VI - LIII VI - LV
[p. 310 modifica]

LIV


AL PRINCIPE FILIBERTO DI SAVOIA


     Quella insegna, signor, candida e pura,
ch’or hai nel petto e piú nel cor dipinta,
tosto per te vedrem, di sangue tinta,
spiegata lá su le nemiche mura.
     Vedrem sul Ren da la tua man secura
l’idra germana in picciol tempo estinta;
vedrem su l’Istro, da’ tuoi raggi vinta,
la turca luna in breve spazio oscura.
     Vanne pur, che non pur l’Arabo ignudo
verrá che spaventato in fuga vada,
ma ’l Perso invitto e ’l Trace altèro e crudo;
     e per due croci fia che a terra cada:
l’abbaglierai con quella dello scudo,
l’ucciderai con quella della spada.