Poesie varie (Marino)/VI/V

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
V. Per una donna uccisa dal suo amante

../IV ../VI IncludiIntestazione 4 giugno 2015 75% Da definire

V. Per una donna uccisa dal suo amante
VI - IV VI - VI
[p. 285 modifica]

V


PER UNA DONNA UCCISA DAL SUO AMANTE


     Quando il fèro omicida irato sciolse
del caro nodo l’anima gentile,
e giacque, qual fior tronco a mezzo aprile,
lacero il velo, onde ’l Fattor l’avolse;
     non pur le pompe sue, che ’l Ciel le tolse,
pianse Natura, impoverita e vile,
ma ’l duro e crudo ferro oltre suo stile
intenerissi e, per pietá, si dolse.
     La man sol pronta a l’atto empio s’offerse,
che nel bel fianco, onde gemendo uscío
lo spirto, il varco sanguinoso aperse.
     Dolce fe’ troppo di sí acerbo e rio
colpo vendetta Amor: tacque e sofferse,
ma de’ begli occhi il feritor ferío.