Poesie varie (Marino)/VI/XL

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XL. Per una sua opera lasciata imperfetta nella fuga

../XXXIX ../XLI IncludiIntestazione 4 giugno 2015 75% Da definire

XL. Per una sua opera lasciata imperfetta nella fuga
VI - XXXIX VI - XLI
[p. 302 modifica]

XL


PER UNA SUA OPERA

lasciata imperfetta nel fuggire da Napoli.


     Tolto a le fiamme il pargoletto amato,
de’ suoi stanchi pensier fido sostegno,
dal battut’Ilio a piú tranquillo regno
al pietoso guerrier portar fu dato.
     Misero! e me, che di signor turbato
fuor del nido natio fuggo lo sdegno,
tenero ancora il mio piú caro pegno
a forza abbandonar costringe il fato.
     Parto de l’alma mia, prole infelice,
ond’a speme m’alzai d’eterno onore,
rimanti in preda a rigida nodrice.
     Ahi, quanto fia per te foco maggiore
(mortal giá fatta e misera fenice),
che l’incendio troian, l’ira d’un core!