Poesie varie (Marino)/VI/XLIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XLIV. Nel giungere a Fiorenza

../XLIII ../XLV IncludiIntestazione 4 giugno 2015 75% Da definire

VI - XLIII VI - XLV
[p. 304 modifica]

XLIV


NEL GIUNGERE A FIORENZA

(1601)


     Pace a voi, liete piagge, aure ridenti
d’Etruria bella! I’ ti saluto, o caro
Arno gentil, cui d’ogni grazia ornâro
tutte a prova le stelle e gli elementi.
     Ecco, pur di te gli occhi a far contenti
mi guida il ciel, dopo tant’anni avaro;
di te, per si chiar’alme assai piú chiaro
che per le tue sí pure acque lucenti.
     Di te nacque quel buon, ch’arse fenice
di nobil fiamma, e dal tuo sen fecondo
l’un e l’altro cantor di Laura e Bice.
     Fiume giá non dirò, ch’al mar secondo
non sei, ma piú del mar degno e felice:
quel solo un Sol, tu tre n’apristi al mondo.