Poesie varie (Marino)/VI/XLVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XLVI. Alla cittá di Venezia

../XLV ../XLVII IncludiIntestazione 4 giugno 2015 75% Da definire

VI - XLV VI - XLVII
[p. 305 modifica]

XLVI


ALLA CITTÀ DI VENEZIA

(1601)


     Un cielo se’ di mille lumi adorno,
donna invitta del mar, reggia secura,
de l’alato lion diletto e cura,
di magnanimi eroi nido e soggiorno.
     Per farti al ciel, con meraviglia e scorno
del ciel, emula in terra, a te Natura
die’ di cristallo a par del ciel le mura
e di zaffiro i fondamenti intorno.
     Onde, nel molle tuo liquido suolo
librata, fossi a qual piú stanco legno
tranquillo porto e luminoso polo.
     E, certo, a’ tanti tuoi d’armi e d’ingegno
trionfi e pregi un elemento solo
fôra picciol ricetto e fral sostegno.