Poesie varie (Marino)/VI/XLVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XLVIII. Il canto di Adriana Basile

../XLVII ../XLIX IncludiIntestazione 4 giugno 2015 75% Da definire

XLVIII. Il canto di Adriana Basile
VI - XLVII VI - XLIX
[p. 306 modifica]

XLVIII


IL CANTO DI ADRIANA BASILE


     Tu, che i miei brevi sonni, allor che ’l core
sopito sí, non riposato giace,
rompi cantando, e del notturno orrore
l’alto silenzio e la tranquilla pace;
     novo del mar sei certo augel verace,
che con sí misurate arti canore
sai l’onda e l’aria e ’l ciel, quando piú tace,
soavemente innebriar d’amore.
     Stranio veleno il cor mi rode e sugge,
pasce l’aure di dolce e me d’amaro,
m’empie di gioia e poi m’ancide e strugge.
     Al tremolar del dolce canto e caro
l’anima trema, a le sue fughe fugge,
da’ suoi sospiri a sospirare imparo.