Poesie varie (Marino)/VI/XXIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXIX. A Francesco di Castro

../XXVIII ../XXX IncludiIntestazione 4 giugno 2015 75% Da definire

VI - XXVIII VI - XXX
[p. 297 modifica]

XXIX


A FRANCESCO DI CASTRO

che doveva andare con l’armata contro Algeri.


     Udir parmi di qua l’alte querele,
giovinetto real, nato d’eroi,
de le donne d’Algier, quando fien poi
giunte colá le gloriose vele.
     Mentr’arderá la pugna aspra e crudele,
mirando d’alto i pregi illustri tuoi,
sotto la spada, onde tant’osi e puoi,
temeranno non caggia il lor fedele.
     Ma, s’egli avien che lo splendor lampeggi
degli occhi ardenti, e ’l crin de l’elmo fòre
d’onorati sudori umido ondeggi,
     temeran di se stesse, e, punte il core
di te, diranno: — Ahi, che da’ sommi seggi
in sembianza di Marte è sceso Amore! —