Poesie varie (Marino)/VI/XXXVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXXVIII. Nel fuggire da Napoli

../XXXVII ../XXXIX IncludiIntestazione 4 giugno 2015 75% Da definire

VI - XXXVII VI - XXXIX
[p. 301 modifica]

XXXVIII


NEL FUGGIRE DA NAPOLI

(1600)


     Fuggo i paterni tetti, e i patrii lidi,
ma con tremante piè, mi lascio a tergo,
lasso! e con questi, che di pianto aspergo,
pur voi rimiro, amati colli e fidi.
     I tuoi, sí vuole il ciel, vezzi omicidi,
Sirena disleal, dal cor dispergo;
e caro men, ma piú securo albergo,
peregrino ricerco, ov’io m’annidi.
     Ma che rileva, oimè! girne sí lunge,
se, fuggitivo e misero e lontano,
me mai non lascio, e l’odio altrui mi giunge?
     e s’un bel viso, una leggiadra mano
l’anima, ovunque vo, persegue e punge?
Fortuna empia, empio Amor, vi fuggo invano!