Poesie varie (Marino)/VIII/IV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
IV. Longevitá nei tempi antichi

../III ../V IncludiIntestazione 5 giugno 2015 75% Da definire

VIII - III VIII - V
[p. 359 modifica]

IV


LONGEVITÀ NEI TEMPI ANTICHI


     Imparava a ferir Morte i viventi,
quasi inesperta ancor rozza guerrera,
quand’ella prese in quell’etá primera
de la divina man l’arme possenti.
     Quest’è che raro allor cadean le genti
sotto i suoi colpi: or non è piú qual era,
ché, per lungo uso essercitata arciera,
trattar sa le quadrella aspre e pungenti.
     Quinci avien che non erra, e, qualor scende
la saetta mortal, non solo uom carco
d’anni, a lei giá vicino, a terra stende;
     ma, fin nel sen materno aprendo il varco,
fanciul non nato ancor trova ed offende.
Oh noi, fragili oggetti a sí fort’arco!