Poesie varie (Marino)/VIII/XII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XII. La decollazione del Battista

../XI ../XIII IncludiIntestazione 5 giugno 2015 75% Da definire

VIII - XI VIII - XIII
[p. 374 modifica]

XII


LA DECOLLAZIONE DEL BATTISTA


     Questo da fèra man reciso, e misto
d’orror funèbre e d’atro sangue involto,
squallido teschio, in vassel d’oro accolto,
capo fu giá del precursor di Cristo.
     Ma, se giace il suo tronco esangue e tristo,
colpa di re non men crudel che stolto,
quegli però, di due prigion disciolto,
fe’ di vita miglior, morendo, acquisto.
     Parlano in lor silenzio, empio tiranno,
smorte ancor quelle labra; e ’l ver c’ha detto
de le vergogne tue, tacer non sanno.
     Né chiusi ha giá tua forza, ira o dispetto
quegli occhi santi: ma serrati stanno
per non mirar lo scelerato aspetto.