Poi ch'a voi piace, amore (Lucas)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Federico II

XIII secolo P Indice:The Oxford book of Italian verse.djvu Poesie Duecento Poi ch'a voi piace, amore Intestazione 28 marzo 2014 100% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta The Oxford book of Italian verse

[p. 43 modifica]

POI ch’a voi piace, Amore,
     Ch’io deggia trovare,
     Farò onne mia possanza
     Ch’io vegna a compimento.
     Dato aggio lo meo core
     In voi, madonna, amare,
     E tutta mia speranza
     In vostro piacimento.
     E non mi partiraggio
     Da voi, donna valente,
     Ch’io v’amo dolcemente,
     E piace a voi ch’io aggia intendimento.
     Valimento mi date, donna fina,
     Che lo mio core ad esso voi s’inchina.
S’io inchino, ragion aggio
     Di sì amoroso bene,
     Chè spero, e vo sperando
     Che ancora deggio avere

[p. 44 modifica]

     Allegro il mio coraggio
     E tutta la mia spene.
     Fui dato in voi amando,
     Ed in vostro volere;
     E veggio li sembianti
     Di voi, chiarita spera,
     Che aspetto gioia intera.
     Ed ho fidanza che lo mio servere
     Aggia a piacere a voi, che siete fiore
     Sor l’altre donne, e avete più valore.
Valor sor l’altre avete,
     E tutta conoscenza;
     Null’homo non poría
     Vostro pregio contare,
     Di tanto bella siete.
     Secondo mia credenza
     Non è donna che sia,
     Alta, sì bella, e pare,
     Nè ch’aggia insegnamento
     Di voi, donna sovrana.
     La vostra cera umana
     Mi da conforto, e facemi allegrare.
     Allegrare mi posso, donna mia,
     Più conto me ne tegno tuttavia.