Postuma/LXII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXII

../LXI ../LXIII IncludiIntestazione 28 maggio 2013 100% Poesie

LXI LXIII
[p. 133 modifica]
Postuma Sacchetti 130.jpg



LXII.


NEERLAND


 V
ORREI stare in Olanda,
Ad Harlem, a Nimega od a Groninga,
Perdermi nella pace veneranda
4Della vita fiamminga.

    Gli aranci m’han seccato,
M’annoiano i gelati e il vin di Chianti;
I giornalisti poi m’han stomacato
8E i frati zoccolanti.

    Oh, questo sol di brace
Quest’eterno odiar come mi stanca!
Datemi un po’ di nebbia un po’ di pace
12E una casetta bianca,

[p. 134 modifica]


    Una casetta, e il mare
Vicino all’uscio e cacio in abbondanza,
Una raccolta di bottiglie rare
16E la santa ignoranza.

    Oh, come i dì modesti
In quella dormirei pace profonda,
E tu ragazza mia, come saresti
20Grassotta e rubiconda!

    Porterei le brachesse
Colla bonarietà d’uno scabino,
Tu m’accompagneresti alla kermesse
24In cuffia e gamurrino;

    Ivi seduti accanto
Parleremmo d’amor tranquillamente;
La birra bionda spumerebbe intanto
28Nel boccal rilucente.

    Tu colla tua gioconda
Voce susurreresti una ballata,
Io succhierei con maestà profonda
32La pipa smisurata.

[p. 135 modifica]


    E in quest’ozio sublime
Tabacco fumerei, non porcheria,
Non il pelo, gli stracci ed il concime
36Della nostra Regìa.

    Là non ci son contese
Di neri, di scarlatti e di turchini,
Là nella sabbia del natio paese
40Dormono i contadini.

    Là nessun vi domanda
Impieghi, dividendi o beveraggi...
Oh, benedetti della mite Olanda
44Pacifici villaggi!

    Villaggi fortunati
Che non avete nè carabinieri,
Nè superbia di sindaci avvocati,
48Nè preti cavalieri!


Postuma Sacchetti 163.jpg