Postuma/LXIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXIV

../LXIII ../LXV IncludiIntestazione 28 maggio 2013 100% Poesie

LXIII LXV
[p. 139 modifica]
Postuma Sacchetti 132.jpg



LXIV.


DOPO LE NOZZE


Iam pulcra quidem Diana,
Iam Pleiades occiderunt,
Iam nox media est et hora
Iam praeterit: ipsa vero
Ah! sola cubo misella!
Sapho: Fragm. apud
Ephest.


 D
EL tuo fiume regal sulla fiorente
Riva natia, te bionda ed innocente
             3E bella un dì mirai
Seguir bambina le farfalle al volo,
Ed io fanciullo disamato e solo
             6Quel giorno t’invidiai.

[p. 140 modifica]


Ma ti rividi. Alle bugiarde feste
    Pensierosa salivi e fra le teste
             9Chinate a te dintorno
    Forse una fronte amica invan cercavi
    E libero sol io fra tanti schiavi
             12Ti compiansi quel giorno.

Quando invocata dagli amanti, in cielo
    Spiega la notte l’ingemmato velo,
             15Quando per ogni cosa
    Un alito d’amor tepido vola,
    Nel talamo regal forse tu sola
             18Piangi negletta sposa.

Deh, quante volte forse, ignudo il petto,
    Tu ti levasti sul tradito letto
             21E l’orecchio tendendo
    Ai notturni rumor – viene! – dicesti
    ― Ecco il suo passo! ― e sola ricadesti
             24Sull’origlier piangendo!

Deh, quante volte forse alla stagione
    In che sboccian le rose, al tuo balcone
             27Vegliasti palpitando;
    E la luna splendea come d’argento
    E nella selva sussurrava il vento
             30Tra le fronde aleggiando.

[p. 141 modifica]


Teco forse pensavi: ― oh se potessi
    Tra l’ombre anch’io vagar di quei recessi,
             33Al braccio d’un amante!
    Su quei fiori posar, presso quell’onde
    E sentirmi baciar le treccie bionde
             36Da una bocca tremante!

Deh, perchè lieta d’un natal modesto
    Disposata non fui lunge da questo
             39Talamo lacrimato
    Dove ignota è d’amor la gioia pura,
    Dove il bacio si pesa e si misura
             42Colla ragion di stato!

T’amaron tutti un dì, fior del mio nome,
    Ma del fiore che ier ci ornò le chiome
             45Oggi chi si sovviene?
    Povero fior che porti il nome mio,
    Non senti tu venir l’estate? Anch’io
             48Sento l’odio che viene. ―

Invan piangendo amor che t’abbandona
    Sotto il peso fatal della corona
             51Pieghi la fronte bianca,
    Qual margherita che nel maggio ardente
    China il pallido fior chiuso, morente,
             54Poichè l’umor gli manca.

[p. 142 modifica]


A’ tuoi servi pietà domandi invano:
    Te calunnia ghignando il cortigiano,
             57Te copre il vil di fango;
    Sol io che libertà difendo e bramo,
    Sposa e figlia di re t’odio, non t’amo,
             60Ma donna ti compiango.




Postuma Sacchetti 115.jpg