Postuma/XLIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XLIX

../XLVIII ../L IncludiIntestazione 24 maggio 2013 100% Poesie

XLVIII L
[p. 115 modifica]
Postuma Sacchetti 114.jpg



XLIX.


A CAROLINA


 AH, vile! vile! Il tuo sereno riso,
L’onesto detto, il verecondo viso,
                               3Furon dunque menzogna!
Nè t’acciecò la disperata fame,
Nè d’un amante la lusinga infame
                               6Ti spinse alla vergogna,

    Quando la prima volta al bacio osceno
Nudo porgesti il giovanil tuo seno
                               9E la guancia rosata,
Quando la veste verginal scingesti
Sulle coltri del ricco e ti facesti
                               12Cortigiana sfacciata!

[p. 116 modifica]


    Ma nel cor vile e nella mente rea
Libidinosa cupidigia ardea
                               15Allor che in orgie liete,
Non arrossisti al nome vil di druda
E, calda Frine, spasimasti ignuda
                               18In lascivie secrete!

    Strisciati dunque d’una donna ai piedi,
O giovinetto, e delirando chiedi
                               21Baci, carezze, amori;
Piangi, sanguina, impreca e derelitto
Trascinati alla tomba od al delitto:
                               24Ecco l’idol che adori!

    Ecco la donna! Il duol tuo disperato
Per lei sarà trionfo e le fia grato
                               27Il rider de’ tuoi pianti,
Il novellar dell’amor tuo tradito
Nelle impudiche veglie e nel convito
                               30Tra le tazze spumanti.

    Deh, guardate! L’amor che le sfavilla
Nel molle tremolar della pupilla
                               33Ella non l’ha nel core:
I blandi detti suoi sono mendaci,
Il sorriso è bugiardo, i lunghi baci
                               36Non son baci d’amore!

[p. 117 modifica]


    Ecco il pudor vantato, ecco la bella
Modestia femminil che il mondo appella
                               39Alito sovrumano!
O invocata virtù dove t’ascondi?
Ti chiedemmo all’istoria, al cielo, ai mondi,
                               42Ma ti chiedemmo invano.

    Quasi un candido vel tu ci parevi,
Quasi un dolce mistero, e contendevi
                               45Alle mortali brame
Un’incognita Dea; ma ti strappammo,
Ma dietro al bianco vel non ritrovammo
                               48Che una baccante infame!



Postuma Sacchetti 115.jpg