Prose e poesie bellunesi 2007/XXIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giancarlo Pagogna

Incipit processo contro Catarina da Pozalle ../XXII ../ IncludiIntestazione 2 agosto 2015 25% Da definire

XXII Prose e poesie bellunesi 2007

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI CALALZO DI CADORE

Incipit processo contro Catarina da Pozalle (liberamente tratto da PROCESSO DI INQUISITIONE CONTRO GENTE MALEFICI ET STRIGHE ET ALTRI ADERENTI A MAL FARE di Giancarlo Pagogna).

Qui incipit processo contro Catarina da Pozalle, processo contro gente malefici et strighe et altri aderenti a mal affare

LAUS DEO SEMPER et intercessio Beatae Mariae Virgis

Cristi nomine invocatus. Die duodecima Mercurij decembris Anni millesimi sescentesimi quadragesimi sexti post Christum natum. Nella sala del Tribunale della Giustitia siedono l’Illustrissimo Reverendissimo Signor Marco Gradenigo, Patriarcha, il Reverendissimo Pree Giulio Missino dell’Ordine minore degl’Orbenetani, dottore nella Sacra Teologia contro le gravità heretiche, il Signor Geronimo Giustiniano, il Signor Bernardo Valvasana canonico udinese, i Signori Reverendo Adriano Frumento dottore nelle sacre Teologie ed ancho canonico udinese, Niccolò Tracanela plenipotenziario et Esaminatore sinodale ed il Prefettissimo et Eccelentissimo Signor Agostino Diano, et Giovanni Francisco Furis dottori, et consiglieri, et Cancellarji, procurando al beneficio publico sollevare ogni et qualunque malfatto, stante il suo potere ed mediante l’aiuto Divino, essendo fama publica certa, overo incerta, li infrascritti testimoni daranno testimonianza se si trovano gente malefici, strighe o di qualsivoglia altri aderenti a mal fare. Sono stati citati l’infrascritti testimoni così per Inquisitione fatta dalla Iustitia, havendo havuto solennemente il debito giuramento conforme l’avertimento Divino et humana legge et Statuti.

NOTAIO

Io Joannes Nicolaus Monnus, notaio del santo uffizio dell’inquisizione, nominato e comandato dal ditto Tribunale, prenderò atto a questo processo.

PATRIARCA

Chi sei tu e cosa sai?

MOGLIE DI CIPRIANO

Ió son la femena de Cipriano Liva, Ió e mè on dison che Catarina l é na stria e mè on ve disarà al parchè.

CIPRIANO

Sié ane fa, sta stria l é ienesta a ciatame a ciasa, e la me a domandà an poche de schei, Ió no avèo e alora sta stria la me a dito:”Vardete ben che chel che no te me as dato, te lo consumarà”.

MOGLIE DI CIPRIANO

Da chel dì mè on l à passà le pene del inferno. L é stada duta colpa de chel porzel boesto che la ne à portà. Ió dovèo conprà poco dopo e cuanche la ne a portà al porzel ió ei magnà, ma prima ei fato al segno de la cros par mandà ia al diou.

CIPRIANO

Anca ió ei magnà al porzel e da chel dì la panza la se a sgionfà senpre de pì e me parea de avé doi iat che i girea par la panza. E sta stria la me à guarì, e l é stada ela a feime ienì al mal de panza.

MOGLIE DI CIPRIANO

Par colpa de sta stria ió no ei pì conprà al fiol che spietèo da ane. Par colpa soa ei visto la panza de mè on sgionfasse senpre de pì. E par sié ane me à tocià stà inte ciasa con mè on e magnà poco par cenì da conto i schei par le medesine che no le fà nia!! L é na stria, guesse brusala via ! La me a ruinà sie ane de la mè vita e la me a ruinà la mè fameia. L é na stria.

CIPRIANO

Sì, l é na vera stria.

PATRIARCA

Sia condotta la strega, cosa puoi dire a tua discolpa?

STREGA

Son Catarina da Pozale e ades ve conto duta la verità. An dì che ero drio dà da magnà a le pite ai pra de Prondraze, al Feltrin de Patriarca l é ienesto a ciasa mea e l me à dito che dovèo esse portada nte preson par ordin del Incuisitor del Santo Oficio; al me à portà inte la preson del Palazo. Al me avea obligà a despoiame; al pree l à inpizà n lumin e l à tacà a vardà duto al mè corpo. Tremèo e i sò iede frede i tocea la mè pel. “Al Diou” al disea zercando “l é dù inte la pel dei sfortunade par le vessie, ma l à ciatà solo segne del laoro par le bestie”. I me tocea la natura e son stada mal duto al dì e ei tanto piandesto.

PATRIARCA

Chi sei tu e cosa sai?

GIOVANNI GIACCHETTI

Ió son Giovani Giacheti e son ienesto dal Incuisitor de Udin a testimonià che l fiol de mè fradel al patìa al mal de San Valentin e l é stà curà da n coleio de dotor de Venezia e anca da n dotor de Val, senza iavà nia. Na femena de Caste l, piena de conpassion che l avea visto tomà sto fiol inte la iesia de San Martin a Val, la me à insegnà a passà al tames del mei sora la testa del canao, Catarina à dontà che l era belo stà fato e l avea visto che la contrazion dei muscoi tornea indrio. Ma l canao no l starea meo. Anca na femena de Auronze l era desta a ciasa soa con n tin de ai benedeto che i la farea stà meo. Ió son ienù a dì al Tribunal che Catarina l à dito che solo l voto a San Valentin l avarae guarì l canao.

PATRIARCA

Chi sei tu e cosa sai?

GIOVANNI DEL LONGO

Son Giovani del Longo e son stà ciamà a Udin, ma èi da dive che no cognosso nianca na stria, ma na femena de nome Catarina che cuanche la me à visto che ero zoto, che avèo piaghe e mal a le ianbe o da calche outra parte la me à guarì, nte l nome del Signor e de la Madona. Se ió i ghi dareo schei, la li tolea, se no no la me li domandea. La é na bona femena sta Catarina da Pozale e l à guarì anca Iustina, ferma da n poche de ane e no la podea caminà senza doi crozole, ma, dopo che l é stada medeada da Catarina, l é stada nbota meo e ades la po anca fèi da magnà.

PATRIARCA

Chi sei tu e cosa sai?

ANGELINO MARTELLO

Ió me ciamo Angelino Marte llo e avèo al mal del verde. I me à dato la colpa parchè èi ciamà Catarina , che la me daresse na benedizion; la me à benedì, ma la me à dito anca de pissà sora le otrie e dopo son guarì.

STREGA

Se me penso, se me penso… Sora de n careto, in tré dì son ruada a la preson de San Francesco da Udin. I me avea serà inte na preson co n outra femena che par duto l dì la preea. La passea le sò dornade a ciamà l Signor e la Madona. Son stada tante dì a vede solo chel outra femena e la guardia. Avèo paura a parlà con chel outra femena parchè pensèo che la fosse na spia. I dì i passea e ela la continuea a preà; n dì la me a benedì e ió èi preà con ela. Cuan che ero na canaa mè barba Bartolomeo el me à contà come che se dora le erbe e la rasa. Cuan che i boscador de mè barba i se taiea, lui co le rase li guaria; n dì me son taiada n braz e mè barba al me a guarì. Così ei nparà anca ió. Sèi anca fèi missiot co le erbe, i fonghe, la rasa e la salvia.

PATRIARCA

Chi sei tu e cosa sai?

MARIA

Son Maria e èi sientì dì che la stria l avea guarì Gerolamo fiol de Sior Andrea Putti de Perarol, l era stà sié mes inte l lieto che no l se podea moe, solo cuan che calchidun i lo moea, e l avea calche bus inte l corpo, de le brute piaghe, che i dotor no i savea curà. Catarina l avea guarì e l avèo visto dopo che l era stà mal, che al caminea come prima.

PATRIARCA

Chi sei tu e cosa sai?

GREGORIO

Me ciamo Gregorio e ve conto che Valentin scuarador de le zatere del porto de Perarol avea la ianba duta npiagada e nfeta. Cuan che l é tornà da Venezia al à contà che i dotori no i era stade boi a curalo. Così al se à fato curà da Catarina e al se à sentì nbota meo. Batista, mè fardel pì gran, par tré o cuatro ane l à portà na fassa su la ianba, dopo al se à fato medeà da Catarina de Pozale e no sèi cosa che i ghi à dato, ma prima l é stà meo e dopo l é guarì.

STREGA

No èi mai savesto parchè le mè man le po guarì la dente. Cuan che guarisso calchidun i iede i me brusa, siento l fredo inte l corpo, al cioudo inte le man. Preo anca la Madona che la me daghe na man, parchè ió èi tanta confidenza co la Madona. Dopo me siento duta straviada. N dì cuan che ero nte preson l é ienesta na guardia a dime che sa cugnà l avea na piaga e l me à domandà se podèo guarilo. Al me à dito:”Hai abbastanza animo per guarirlo?” e ió ghi ei dito de sì. La guardia la me à portà dal malà e ió ghi èi prometesto de guarilo co la man santa de la Madona. Dute le sere dèo da sto ca e ghi disèo de preà la Madona, po ghi èi fato conprà na scudela de trementina e èi fato duto un missiot, ghi lo èi betù onde che l avea mal e lo èi fassà. Dopo lo èi fato preà la Salve Regina e ghi èi dito che al sarae guarì. Dopo vinti dì l à tacà a stà meo e al me à regalà cicia, minestron, da magnà e da bee.

PATRIARCA

Chi sei tu e cosa sai?

LA NIPOTE DI MENIGUTO FABRO

Ió son la neoda de Meniguto Fabro. La stria l à guarì la femena de mè barba che la se era rota n braz cuan che la era tomada do par na scarpada e l avea perso tanto sango e la era drio morì, la stria l à iavà l sango e i ghi lo à betù inte con ntin de rasa par stropà al bus. No la era morta ma no la podea moe al braz. E par pagà la stria che la l avea curada la ghi à dato diese schei.

PATRIARCA

Chi sei tu e cosa sai?

DONNA DOROTEA

Sono Donna Dorathea figlia di Messer Pietro Alessandrini, mio padre (?) cavaliere e dottore nelle due leggi quondam di Giovanni Nodaro, fece chiamare al suo capezzale i cherugici di Ceneda e di Cividal che gli intimarono che l’haverebbero guarito et che entro un paro di dì si sarebbe levato in piedi ancho se debolmente ma Pietro restò debolissimamente infermo et un fermo gli opprimeva il petto. Catharina da Pozalle pogiò le mani sul suo costato ansimato e dopo una preghiera alla beata l’aggiutasse e disse: ”Ave conpassion de la mè ignoranza, no poi esse da vostro pare, ve saludo, prea senpre la vergine Maria”. Dopo tre dì, il nodaro esalò l’anima a Dio.

STREGA

Ió no sei parchè son nte preson, ma son sigura che l é stà calche dotor a fèime serà ca, parchè Ridolfo de Val al me à minacià doi ote. El me à proibì de dì a guarì la dente, parchè ero ignorante. Ió penso che dute i dotor i à da dì inte preson. Anca al sior Adami, Pievan de Piee, al me à cridà pì de na ota parchè vao a curà la dente, e al me à mandà dal Ilustrissimo Reverendissimo Arcidiacono, ma al me à dito che no l po tirame ia i pecà parchè fin a cuanche no finisso de guarì la dente son ciapada dal diou.

E l me à dito:”Exorcizo te, immundissime spiritus, omni incursio adversarii, omne phantasma, omnis legio, in nomine Domini nostri Jesus Christi; erodicare et effugare ab hoc plasmate Dei”. E l me à minacià e l me à dito che no poi guarì se no èi la licenza. E ió ghi ei dito che no poi confessà parchè son ciapada dal diou, e che ió curo la dente co la man del Signor e de la Madona. Alora i me à bucià inte na canbra.

PATRIARCA

Chi sei tu e cosa sai?

POLLONIA

Ió son Polonia femena de Silvestro Da Col, cognosso ben Catarina da Pozale parchè calche femena che avea mal a le tete, che no podea alatà o autro, co la rasa e polver de fongo manina, la le à guaride par la grazia del Signor e de la Vergine. PATRIARCA Chi sei tu e cosa sai?

FRANCESCO GIERA

Ió son Francesco Giera, e me penso benon che avèo fato ciamà Catarina de ienì n Comelego, parchè la me femena l avea tanto mal al col: n brut mal. La era stada curada da tante dotor, ma nianca un i l avea guarida e Catarina l à guarida co le sò robe de erbe e l èi pagada polito.

PATRIARCA

Chi sei tu e cosa sai?

BORTOLA

Ió son Bortola, ió avèo la panza sgionfa e no stareo n pè. Dovèo conprà n fiol ma avèo tanto mal e no ero bona de conprà e dute le medesine no valea nia .Dopo avele proade dute son duda da Catarina da Pozale che la me à dato n tin de erbe e n tin de pacioc seco par ondeme la panza sgionfa e al mal l é passà e l é stà così che èi capì che la panza l era sgionfa parchè ero malada e no avèo mai avesto da conprà.

PATRIARCA

Chi sei tu e cosa sai?

FRANCISCA

Ió son Francisca, parente del Pree Jacobi. Mè sorela la golea avè n fiol, ma l era massa vecia. L avea conprà n fiol, ma dopo i la l avea perdesto. Alora l é desta da Catarina a tole n tin de erbe e la ghi à dito de magnale par tré dì e dopo de dì così: PARE MARE FIOI NO ÈI, DÌ A ROBÀ SE FA PECÀ, CEN SU LE MAN CHE AL SIGNOR TE IUTARÀ.

PATRIARCA

Chi sei tu e cosa sai?

JACOBO ALESSANDRINI

Ió son Jacobo Alessandrini. Ero nte piaza a Piee, e avèo mal a la ianba, no ero bon de caminà; ei ciatà Catarina che me à dito che la me darea na man a guarì, dopo cuindese dì starèo ancora pì mal e no ero bon de tirame su dal lieto. Alora sul denuoio la me à betù al pacioc che la tirea fora dal corno de bò in nome de Dio, diese o dodese ote al dì. Betèo anca sbaa e foie de faghera ma l denuoio l era senpre pedo. Mè fradel Piero al ghi à dito a Catarina de lassame stà; i lo à contà al Pree Jacobi e i doi fradiei i me à denuncià al incuisitor de Udin.

PATRIARCA

Chi sei tu e cosa sai?

LIVIA

Ió son Livia e me penso che èi visto Catarina che la se scondea nte l mè cianpo de sorgo e l èi spasemada parchè no la dovea dì nte l mè cianpo. Calche dì dopo, son desta a tole ega nte l brente, la m é ienesta contro e la me à mprometesto de dame bote. Da chel dì èi tacà a stà mal.

PATRIARCA

Chi sei tu e cosa sai?

GRETA

Me ciamo Greta e ve conto de mè sorela Iacomina: la starea mal e no la tirea pì l fià. Catarina la me a portà nte la canbra onde che Iacomina l era destirada sora l lieto e la farea fadìa a tira l fià. Catarina l à betù le man sul peto de mè sorela. Catarina la me à domandà se podeo portaghi n tin de oio de trementina e salvia. Anca l dotor l é ruà e l à dito:”Solo con l’aiuto di Dio guarirà. Pregate fortemente, et con atti di contrizione.” Dopo avè betù par cuatro o zinche dì l oio e la salvia Iacomina l é guarida nbota.

PATRIARCA

Chi sei tu e cosa sai?

AGOSTINO

Son Agostino e no me desmenteo pì che mè fradel, Jacopo Zamberlani da Piee, l é tomà da doi ane, poche dì prima de la Madona de le Candele e l se à fato vede dai dotor, ma no i l avea guarì e da doi ane l avea tanto mal. Catarina da Pozale l à pensà de iavà ia l mal e la à betù sora la ianba n oio par doi o tré dì. L oio l era fato co le erbe. Èi pagà da bee a Catarina e ghi èi dato schei par le sò bestie.

STREGA

Al diou no l me à mai iutà, giuro che no l me à mai iutà! Solo la grazia de la Madona à guarì i pore nes … solo l Signor e la Madona i guarisse la dente!! No … moléme, me spaché i braz, no staré tirame su, oiuto che mal, i mè braz… no ghi la fado, no poi pì … che mal, me avé destacà dute doi i braz, moléme do, ve preo. Si, basta, l é vero, se golè che ve lo dighe, ve lo digo, basta che me lasseve stà: ei ciamà al diou dute le ote che avèo bisuoi, e ades beteme dò nbota se no moro.

PATRIARCA

Cristi nomine invocatus. Die duodecima Mercurij decembris Anni millesimi sexcentesimi quadragesimi sexti post Christum natum. Noi Marco Gradenico per la grazia di Dio e della Santa Sede Apostolica, Patriarcha d’Aquileia e Fra Giulio Missinis da Orvieto dell’Ordine di S. Francesco, dottore Teologo Inquisitore d’Aquileia e di Concordia specialmente delegato dalla S. Sede Apostolica contro l’eresia.

Essendo che tu Catharina della Villa di Pozalle sotto la Pieve di Pieve di Cadore nella Diocesi d’Aquileia fosti grandemente indiziata, et anche per il detto di testimoni e per la tua propria confessione convinto in questo Santo Offitio havere esercitato l’arte medicinale per diverse sorti d’informità incurabili con medicamenti notevolmente con atti. Havendo noi visti e maturamente considerati i meriti di questa tua causa con suddette tue confessioni, inditij et depositioni d’altrui, e quanto di ragione si doveva vedere, e considerare, similmente con il conseglio e parere de nostri Signori Consiglieri dottori Theologi e Canonisti, siano venuti contro di te all’infrascritta sentenza.

Invocando dunque il Santissimo Nome di Nostro Signore Giesù Christo della Gloriosissima sua Madre sempre vergine Maria e di S. Pietro Martire nostro Protettore, havendo davanti li sacrosanti Evangelij, acció dal volto di Dio proceda il nostro Giudicio e gli nostri vedano la verità e l’equità nella causa contro di te vertente in questo Tribunale per la quale tu Catharina suddetta rea inditiata, inquisita, pro confessa e convinta rispettivamente come di sopra vi è detto rimani, per questa definitiva sentenza qualle sedendo pro tribunali proferiamo in questi scritti in questo luogo, ed hora da noi eletti.

Diciamo, pronunciamo, sentenziamo e dichiariamo che Catharina suddetta sei obbligata ad abiurare avanti a noi li sopraddetti errori, et heresie, o generalmente ogni e qualunque errore et heresia che contradica alla detta Sancta Cattolica ed Apostolica Romana chiesa come questa diffinitiva sentenza, ti condanniamo che facci nel modi e forme che da noi ti sarà data. Ti condanniamo a stare sulla porta della Chiesa di Pieve di Pieve di Cadore per tre feste, mentre si dice la Messa solenne, con il capo scoperto e con la candela accesa in mano ne i giorni festivi, per tre volte ad arbitrio del Piovano di ditta Pieve Di più ti condanniamo che in tempo di vita sotto qualsivoglia pretesto mai più eserciti l’arte di medicina, medicando superstitiosamente le persone oppresse da qualsivoglia informità come hai fatto mescolando salvia e trementina, con voti alla Gloriosissima Vergine Maria ai Santi et altre Devotioni, tutte cose a te disconvenienti, E per penitenza salutari ti imponiamo che per uno anno reciti una volta al dì la corona della Beatissima Vergine Maria e per lo restante tempo di tua vita et ogni Domenica una volta il Pater Noster, l’Ave Maria et il Credo.

Che durante il deto tempo ali cinque anni, confessi sacramentalmente quattro volte l’anno i tuoi peccati al Sacerdote deputato et aprovato et di sua licenza ti comunichi nelle quattro principali Solennità cioè della Natività della Resurettione di Nostro Signore Giesù Christo della Sacra Pentecoste, e di tutti i Santi, riservando a noi la facoltà di mittigare, commutare, rimettere e condonare in tutto o in parte le dette pene e penitenze.

E così diciamo, pronunciamo, sententiamo, dichiariamo, penitentiamo e riscriviamo in questo et in ogni altro miglior modo e forma che di ragione potemo e dovemo.

Ego Marcus Patriarcha Aquileiae.

STREGA

Io Catarina da Pozalle giuro che credo con il cuore, confesso con la bocca che solo a Dio e solo a lui si deve consegnare la propria anima. Credo con il cuore, confesso con la bocca, che la santa fede cattolica e apostolica la quale crede, conserva e predica la santa romana chiesa e conseguentemente abiuro, revoco e detesto ogni eresia contro la santa romana chiesa. Ave, maris Ste lla, Dei mater alma, atque semper Virgo Felix coeli porta. Ora pro nobis, sancta Dei Genitrix. Oremus. Concede nos famulos tuos, quaesumus Domine Deus, perpetua mentis et corporis sanitate gaudere et gloriosa beatae Mariae semper Virginis intercessione a presenti liberati tristitia et aeterna perfrui laetitia. Per Christum Dominum nostrum. Amen. Mater Christi, Mater Gratiae, Mater purissima, Mater castissima, Mater inviolata, Mater intemerata, Mater amabilis, mater admirabilis, mater bonis consilii, Mater Creatoris, Mater Salvatoris, ora pro nobis. Ominipotens sempiterne Deus, respice in Cor dilectissimi Filii tui, et in laudes et satisfactiones, quas in nomine peccatorum tibi persolvit»

(Cialauz)