Quando d'avverso Ciel stimai rigore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pietro Metastasio

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Quando d’avverso Ciel stimai rigore Intestazione 9 novembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Pietro Metastasio


[p. 286 modifica]

XI1


Quando d’avverso Ciel stimai rigore,
     Che un trono abbian negato a me gli Dei,
     Bella cagion de’dolci affetti miei,
     Fu deliro amoroso, e n’ho rossore.
5Che reso oggetto allor del tuo favore,
     D’un regno io domator creder potrei,
     Qual son io ripensando, e qual tu sei,
     Gratitudine in te ma non amore.
No, dello stato mio, Dei, non mi sdegno;
     10Miglior sperarlo ad un mortal non lice:
     E l’umil sorte mia n’è appunto il pegno.
Nice m’ama, io lo so, nè amar può Nice
     Altro in me che me solo. Ah che a tal segno
     Non rende un trono il possessor felice.


Note

  1. Pentimento dell’antecedente desiderio.