Quando partì da me ver la sua sfera

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pietro Ottoboni

Q Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Quando partì da me ver la sua sfera Intestazione 9 giugno 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Pietro Ottoboni


[p. 313 modifica]

II1


Quando partì da me ver la sua sfera
     Quel lume, che me pur fè noto al Mondo,
     Credei sepolta in cieco oblìo profondo
     Mia speme, e giunta la mia gloria a sera.
5Piansi, e la doglia mia torbida e nera
     Tolse alla mente ogni pensier giocondo,
     Ma vi lasciò per doloroso pondo
     Del Ben perduto la memoria intera,
Così come Nocchier, che senza vele
     10Scorse l’irato Mar pieni di timore,
     Nè tanta ha forza per formare querele;
Muto giacev’anch’io nel mio dolore,
     Allorch’un mio pensier grato, e fedele
     Disse: Vive Alessandro, e l’hai nel cuore.



Note

  1. Per la S. Mem. di Alessandro VIII. Zio dell’Autore.