Quanto sei bella, o Lidia! Io veggio il fiume

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pompeo Figari

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Quanto sei bella, o Lidia! Io veggio il fiume Intestazione 15 dicembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Pompeo Figari


[p. 169 modifica]

IV


Quanto sei bella, o Lidia! Io veggio il fiume
     Sorgere altero all’una e all’altra riva,
     E quasi per superbia alzarle spume,
     Se del tuo volto a farsi specchio arriva.
5Miro il giglio e la rosa: oltre il costume
     Il sangue in questa, il latte in quel si avviva,
     Se volgi lor de’ tuoi begli occhi il lume,
     Se della man la neve pura e viva
Se al prato, o al lido il tuo bel piè sen viene,
     10Ogni erbetta vegg’io cangiarsi in fiore;
     Veggio cangiarsi in Or l’alghe e l’arene.
Deh! Lidia, or che farà dunque il mio cuore,
     Che sì vivo il tuo volto in se ritiene,
     Se chi non sente, per te sente amore?