Rime (Alfieri)/XVIII - Bieca, o Morte, minacci? e in atto orrenda

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Bieca, o Morte, minacci e in atto orrenda

../VII - Greca fronte nomar deggio, o divina ../XIX - Negri, vivaci, e in dolce fuoco ardenti IncludiIntestazione 29 aprile 2008 50% Poesie

Bieca, o Morte, minacci e in atto orrenda
VII - Greca fronte nomar deggio, o divina XIX - Negri, vivaci, e in dolce fuoco ardenti


Bieca, o Morte, minacci? e in atto orrenda,
l'adunca falce a me brandisci innante?
Vibrala, su: me non vedrai tremante
pregarti mai, che il gran colpo sospenda.

5Nascer si, nascer chiamo aspra vicenda,
non già il morire, ond'io d'angosce tante
scevro rimango, e un solo breve istante
dè miei servi natali il fallo ammenda.

Morte a troncar l'obbrobbriosa vita
10che in ceppi io traggo, io di servir non degno
che indugi omai, se il tuo indugiar m'irrita?

Sottrammi ai re, cui sol da orgoglio e regno
viltà dei più, ch'a inferocir gl'invita
e a prevenir dei pochi il tardo sdegno.