Rime (Dante)/LXXIII - Chi udisse tossir la mal fatata

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXXIII - Chi udisse tossir la mal fatata

../LXXII - Un dì si venne a me Malinconia ../LXXIV - L'altra notte mi venne una gran tosse IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% letteratura

Dante Alighieri - Rime (XIII secolo)
LXXIII - Chi udisse tossir la mal fatata
LXXII - Un dì si venne a me Malinconia LXXIV - L'altra notte mi venne una gran tosse
Tenzone con Forese Donati
1. DANTE A FORESE

 
Chi udisse tossir la mal fatata
moglie di Bicci vocato Forese,
potrebbe dir ch’ell’ha forse vernata
4ove si fa ’l cristallo in quel paese.

Di mezzo agosto la truovi infreddata;
or sappi che de’ far d’ogni altro mese!
E non le val perché dorma calzata,
8merzé del copertoio c’ha cortonese.

La tosse, ’l freddo e l’altra mala voglia
no l’addovien per omor ch’abbia vecchi
11ma per difetto ch’ella sente al nido.

Piange la madre, c’ha più d’una doglia,
dicendo: "Lassa, che per fichi secchi
14messa l’avre’ ’n casa del conte Guido!".