Rime (Angiolieri)/CIV - A cosa fatta non vale pentere

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CIV - A cosa fatta non vale pentere

../CIII - Quando Ner Picciolin tornò di Francia ../CV - Egli è sì poco di fede e d’amore IncludiIntestazione 5 agosto 2013 75% Sonetti

Cecco Angiolieri - Rime (XIII secolo)
CIV - A cosa fatta non vale pentere
CIII - Quando Ner Picciolin tornò di Francia CV - Egli è sì poco di fede e d’amore

 
     A cosa fatta non vale pentere 
né dicer po’: – Così vorre’ aver fatto – 
Senno di dietro poco può valere: 
però s’avveggia l’uomo ’nanzi tratto; 
     5ché, quando l’uomo cominci a cadere, 
e’ non ritorna in istato di ratto: 
io che non seppi quella via tenere, 
là, dove non mi prude, sì mi gratto. 
     Ch’i’ son caduto e non posso levarmi, 
10e non ho al mondo parente sì stretto, 
che pur la man mi desse per atarmi. 
     Or non abbiate a beffa questo detto: 
ché così piacci a la mia donna amarmi, 
come non fu giammai me’ ver sonetto.