Rime (Angiolieri)/CXXII - – Udite udite, dico a voi, signori

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXXII - Udite udite, dico a voi, signori

../CXXI - I’ son venuto di schiatta di struzzo ../CXXIII - I’ so non fermo in su questa oppenione IncludiIntestazione 5 agosto 2013 75% Sonetti

Cecco Angiolieri - Rime (XIII secolo)
CXXII - Udite udite, dico a voi, signori
CXXI - I’ son venuto di schiatta di struzzo CXXIII - I’ so non fermo in su questa oppenione

 
     – Udite udite, dico a voi, signori, 
e fate motto, voi che siete amanti: 
avreste voi veduto, tra cotanti, 
cotal c’ha ’l volto di tre be’ colori? 
     5Di ros’e bianch’e vermigli’è di fuori; 
or lo mi dite, ch’i’ vi son davanti,
sed elli inver di me fe’ tai sembianti, 
ched i’ potessi aver que’ suo’ colori. 
     – Noi non crediam che li potessi avere, 
10però ched e’ non fece ta’ sembianti, 
che fosse ver’ di te umilïato. 
     – Sed e’ nol fece, i’ mi pongo a giacere 
e comincio a far ta’ sospiri e pianti, 
che ’n quattro dì cred’esser sotterrato.