Rime (Angiolieri)/IX - Io averò quell'ora un sol dì bene

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
IX - Io averò quell’ora un sol dì bene

../VIII - Quando veggio Becchina corrucciata ../X - La mia malinconia è tanta e tale IncludiIntestazione 5 agosto 2013 75% Sonetti

Cecco Angiolieri - Rime (XIII secolo)
IX - Io averò quell’ora un sol dì bene
VIII - Quando veggio Becchina corrucciata X - La mia malinconia è tanta e tale

 
     Io averò quell’ora un sol dì bene,
ch’a Roma metterà neve d’agosto:
ma di dolor e d’angosce e di pene
son più fornito, ca ottobre del mosto.
     5E solamente questo mal mi vene,
per ch’io non posso aver un buon risposto
da quella che ’l mie cor più tristo tene,
che non fa quel, che ne l’inferno è posto.
     A torto e a peccato mi vol male;
10e così torni nostra guerra in pace
como di lei servir molto mi cale.
     Così mi strugge stando contumace,
come ne l’acqua bollita fa ’l sale:
ch’io non n’ho peggio ancor, più li dispiace.