Rime (Angiolieri)/L - Lassa la vita mia dolente molto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L - Lassa la vita mia dolente molto

../XLIX - Qualunque giorno non veggio ’l mi’ amore ../LI - Maladetta sie l’or’ e ’l punt’e ’l giorno IncludiIntestazione 5 agosto 2013 75% Sonetti

Cecco Angiolieri - Rime (XIII secolo)
L - Lassa la vita mia dolente molto
XLIX - Qualunque giorno non veggio ’l mi’ amore LI - Maladetta sie l’or’ e ’l punt’e ’l giorno

 
     Lassa la vita mia dolente molto, 
ch’i’ nacqui, credo, sol per mal avere, 
poi che ’l me’ grande diletto m’è tolto 
in guisa tal, per giamma’ non ravere: 
     5ch’i’ seminai ed un altr’ha ricolto; 
s’i’ me ne vogli’atar, non n’ho ’l potere, 
per che la Morte m’è già su nel volto: 
così foss’ell’al cor a mi’ piacere! 
     Neun’altra speranz’ho, che di Morte, 
10e Mort’è quella che mi può guerire, 
tant’è la pena mïa dura e forte. 
     Così sarebb’a me vita ’l morire, 
puo’ che cota’ novelle mi fuor pòrte, 
com’a pregion sentenziato ’l fuggire.