Rime (Angiolieri)/VII - Io poterei così star senz'amore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
VII - Io poterei così star senz’amore

../VI - Quanto un granel di panico è minore ../VIII - Quando veggio Becchina corrucciata IncludiIntestazione 5 agosto 2013 75% Sonetti

Cecco Angiolieri - Rime (XIII secolo)
VII - Io poterei così star senz’amore
VI - Quanto un granel di panico è minore VIII - Quando veggio Becchina corrucciata

 
   Io poterei così star senz’amore
come la soddomia tòllar a Moco,
o come Ciampolin gavazzatore
potesse vivar tollendoli ’l gioco,
     5o come Min di Pepo Accorridore
s’ardisse di toccar Tan pur un poco,
o come Migo, ch’è tutto d’errore,
ch’e’ non morisse di caldo di fuoco.
     Però mi facci Amor ciò che li piace,
10ch’i’ sarò sempre su’ servo fedele
e sofferrò ciò che mi farà ’n pace;
     e sed e’ fosse amaro più che fele,
con l’umiltà ch’è vertù sì verace,
il farò dolce come cannamele.