Rime (Angiolieri)/XXV - Sonetto, da poi ch’i’ non trovo messo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXV - Sonetto, da poi ch'i' non trovo messo

../XXIV - Lo mi’ cor non s’allegra di covelle ../XXVI - Anima mia, cuor del mi’ corp’, amore IncludiIntestazione 5 agosto 2013 75% Sonetti

Cecco Angiolieri - Rime (XIII secolo)
XXV - Sonetto, da poi ch'i' non trovo messo
XXIV - Lo mi’ cor non s’allegra di covelle XXVI - Anima mia, cuor del mi’ corp’, amore

 
     Sonetto, da poi ch’i’ non trovo messo
che vad’a quella, che ’l me’ cor disìa,
merzé, per Dio! or mi vi va’ tu stesso
da la mia parte, sì che bene istia;
     5e dille ca d’amor so morto adesso,
se non m’aiuta la sua cortesia;
e quando tu le parli, istà di cesso,
ch’i ho d’ogni persona gelosia.
     Se mi degnasse volerm’a servente,
10anche non mi si faccia tanto bene,
promettile per me sicuramente
     che ciò ch’a la gentile si convene,
io ’l farò di bon cor, sì lealmente,
ch’ella averà pietà de le mie pene.