Rime (Angiolieri)/XXXI - I’ ho sì gran paura di fallare

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXXI - I’ ho sì gran paura di fallare

../XXX - Figliuol di Dio, quanto ben avre’ avuto ../XXXII - – Deh, bàstat’oggimai, per cortesia IncludiIntestazione 5 agosto 2013 75% Sonetti

Cecco Angiolieri - Rime (XIII secolo)
XXXI - I’ ho sì gran paura di fallare
XXX - Figliuol di Dio, quanto ben avre’ avuto XXXII - – Deh, bàstat’oggimai, per cortesia

 
     I’ ho sì gran paura di fallare
verso la dolce gentil donna mia,
ch’i’ non l’ardisco la gioia domandare
che ’l mi’ coraggio cotanto disìa;
     5ma ’l cor mi dice pur d’assicurare,
per che ’n lei sento tanta cortesia,
ch’eo non potre’ quel dicere né fare,
ch’i’ adirasse la sua segnoria.
     Ma se la mia ventura mi consente
10ch’ella mi degni di farmi quel dono,
sovr’ogn’amante viverò gaudente.
     Or va’, sonetto, e chiedile perdono
s’io dico cosa che le sia spiacente:
ché, s’io non l’ho, già mai lieto non sono.