Rime (Cavalcanti)/A quella amorosetta foresella

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Bernardo da Bologna

XLIVa
A GUIDO CAVALCANTI ../Gianni, quel Guido salute ../Ciascuna fresca e dolce fontanella IncludiIntestazione 5 agosto 2013 75% Da definire

Gianni, quel Guido salute Ciascuna fresca e dolce fontanella


 
A quella amorosetta foresella
passò sì ’l core la vostra salute,
che sfigurìo di sue belle parute:
dond’ i’ l’adomanda’: «Perché, Pinella?

5Udistù mai di quel Guido novella?»
«Sì feci, ta’ ch’appena l’ho credute
che s’allegaron le mortai ferute
d’amor e di su’ fermamento stella,

con pura luce che spande soave.
10Ma dimmi, amico, se te piace: come
la conoscenza di me da te l’ave?

Sì tosto com’ i’ ’l vidi seppe ’l nome!
Ben è, così con’ si dice, la chiave.
A lui ne mandi trentamilia some».