Rime (Michelangelo)/16. D'un oggetto leggiadro e pellegrino

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
16. D'un oggetto leggiadro e pellegrino

../15. Di te me veggo e di lontan mi chiamo ../17. Crudele, acerbo e dispietato core IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

16. D'un oggetto leggiadro e pellegrino
15. Di te me veggo e di lontan mi chiamo 17. Crudele, acerbo e dispietato core
[p. 9 modifica]

 
  D’un oggetto leggiadro e pellegrino,
d’un fonte di pietà nasce ’l mie male.