Rime (Michelangelo)/42. Dimmi di grazia, Amor, se gli occhi mei

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
42. Dimmi di grazia, Amor, se gli occhi mei

../41. Spirto ben nato, in cu' si specchia e vede ../43. La ragion meco si lamenta e dole IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

42. Dimmi di grazia, Amor, se gli occhi mei
41. Spirto ben nato, in cu' si specchia e vede 43. La ragion meco si lamenta e dole
[p. 21 modifica]

 
  Dimmi di grazia, Amor, se gli occhi mei
veggono ’l ver della beltà c’aspiro,
o s’io l’ho dentro allor che, dov’io miro,
veggio scolpito el viso di costei.

[p. 22 modifica]

  Tu ’l de’ saper, po’ che tu vien con lei5
a torm’ogni mie pace, ond’io m’adiro;
né vorre’ manco un minimo sospiro,
né men ardente foco chiederei.
  - La beltà che tu vedi è ben da quella,
ma cresce poi c’a miglior loco sale,10
se per gli occhi mortali all’alma corre.
  Quivi si fa divina, onesta e bella,
com’a sé simil vuol cosa immortale:
questa e non quella agli occhi tuo precorre. -