Rime (Michelangelo)/43. La ragion meco si lamenta e dole

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
43. La ragion meco si lamenta e dole

../42. Dimmi di grazia, Amor, se gli occhi mei ../44. Mentre c'alla beltà ch'i' vidi in prima IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

43. La ragion meco si lamenta e dole
42. Dimmi di grazia, Amor, se gli occhi mei 44. Mentre c'alla beltà ch'i' vidi in prima
[p. 22 modifica]

 
  La ragion meco si lamenta e dole,
parte ch’i’ spero amando esser felice;
con forti esempli e con vere parole
la mie vergogna mi rammenta e dice:
  - Che ne riportera’ dal vivo sole5
altro che morte? e non come fenice. -
Ma poco giova, ché chi cader vuole,
non basta l’altru’ man pront’ e vittrice.
  I’ conosco e’ mie danni, e ’l vero intendo;
dall’altra banda albergo un altro core,10
che più m’uccide dove più m’arrendo.
  In mezzo di duo mort’ è ’l mie signore:
questa non voglio e questa non comprendo:
così sospeso, el corpo e l’alma muore.